matière biosourcée biodégradable compostable emballage alimentaire sac

Di origine biologica, biodegradabile, compostabile, come molti termini che non sempre comprendiamo e tuttavia spesso usati come argomento di marketing.

Esistono molti amalgami. Un materiale può essere basato sulla bio senza essere biodegradabile, proprio come il contrario.

È ancora essenziale non confondere a monte, vale a dire l'origine del materiale, con a valle, che si riferisce alla sua degradabilità dopo l'uso.

Origine: biosourcée o fossili?

Il prefisso "bio", che significa "vita", si riferisce alla origine vegetale o animale di un materiale. Questo termine pertanto non garantisce necessariamente che il prodotto sia biodegradabile.

Il termine di origine biologicasi riferisce alla composizione del materiale e significa che quest'ultimo è parzialmente o completamente prodotto da risorse da piante o animali (PLA, bagassa, cotone, lana di pecora, ecc.).

Se i materiali di origine biologicasisono sempre più utilizzati, i materiali plastici non correlati sono stati a lungo  utilizzati. Tuttavia, quest'ultimo, realizzato in energia fossile, sono attualmente interrogati da un punto di vista ecologico. Mentre è vero che i materiali plastici scomodi sono riconosciuti per la loro resistenza, scopriremo che alcuni di essi sono tuttavia biodegradabili.

Fine della vita: biodegradabile o no?

Alla fine della vita, un prodotto può essere biodegradabile o meno.

Si dice che un prodotto sia biodegradabile se quest'ultimo può essere suddiviso dai microrganismi dopo essere stato utilizzato. La durata del processo di decomposizione determina quindi il grado di biodegradabilità.

Tra questi rifiuti biodegradabili, troviamo rifiuti compostabili. Ciò significa che quest'ultimo può, in determinate condizioni, deteriorarsi per essere trasformato in un fertilizzante naturale chiamato compost. A seconda della loro composizione, l'imballaggio può essere compostato a casa o a livello industriale.

Infine, puoi ricordare che i rifiuti compostabili sono biodegradabili ma che il contrario non è sempre vero!

Vuoi saperne di più sul compostaggio? Consultare il nostro articolo sul compostaggio domestico e sul compostaggio industriale seguendo questo link.

Ci sono anche imballaggi non biodegradabili che possono comunque essere riciclati. Alla fine della vita, questi ultimi sono effettivamente valutati in tutto o in parte, quindi trasformati in nuovi prodotti. Tra quelli che conosci meglio, troviamo in particolare vetro e plastica.

Quale materiale plastico sembra il più adatto alla tua confezione?

Esempi: fossile biodegradabile e naturale non biodegradabile

Tutti i rifiuti di plastica a base di bio, a causa della materia organica di origine vegetale o animale, non sono necessariamente biodegradabili. Al contrario, alcune materie plastiche provengono da petrolchimici (combustibili fossili) e sono tuttavia biodegradabili.

Per capire meglio, scopri il nostro riepilogo di seguito:


Come hai notato, il PBAT (polibutilene adipata téréphtalate) è in particolare parte della plastica non biosata ma biodegradabile. Questo è il motivo per cui i sacchetti di plastica distribuiti quando acquisti frutta e verdura sono compostabili. In effetti, le borse non reciclabili sono state sostituite da queste borse PBAT.

Al contrario, la PA (poliammidi) è basata su bio ma non biodegradabile.

Per rispettare il nostro ambiente, abbiamo scelto di realizzare il tuo imballaggio alimentare, specialmente in PLA. Stai cercando imballaggi alimentari da materiali vegetali o animali e riciclabili? Scopri la nostra gamma di imballaggi eco-sensibili!

Emballage alimentaireSacherie